Risotto con calamari – Risotto with squid

Risotto con calamari – Risotto with squid – Herry Lawford CC BY 2.0

Risotto with squid is a light and fresh first course, perfect for summer.
The preparation of this dish is extremely simple and requires little time to be made; in fact, just a few simple steps will be enough to bring to the table a risotto with fish suitable both for the most important occasions (such as, for example, holidays) and for lunch every day when you do not want to give up the taste.

To obtain a risotto with a more intense and pleasant flavor, it is preferable to use fresh squids, but, if you do not have the opportunity to go to a fishmonger, frozen squids are also fine, if they are of good quality and thawed in the right way.
To defrost squids I suggest you put them out of the freezer the night before and keep them in the refrigerator so that the ice melts slowly and the fish does not undergo thermal shocks that could make it tasteless and too hard.

If you are in a hurry and decide to defrost squids at the last moment, I suggest you defrost them in a pot containing cold water.
The rice suitable for the preparation of the recipe of risotto with squids is Carnaroli, a variant of long-grain rice, quite valuable that has the characteristic of remaining intact and firm during cooking.

Characteristics

Difficulty Medium
Medium Cost
Preparation Time 15 Minutes
Cooking Time 20 Minutes
Serves 4 people
Cooking Method Stove

Ingredients

360 g Carnaroli rice
600 g squids
1/2 white onion
1 garlic clove
750 ml vegetable stock
20 g extra virgin olive oil
1 sprig of parsley
5 g salt
1 g pepper
100 ml dry white wine

How to make Risotto con calamari – Risotto with squid

  1. As mentioned in the introduction, it is essential for the perfect success of this dish, the use of fresh squids. Frozen squids can also be used, as long as they are thawed very slowly, gradually passing from the freezer to the refrigerator and then to room temperature so that the fish does not undergo sudden changes in temperature which would primarily ruin its flavor.
  2. Once you have decided which squid to choose, clean the squid by removing the beak and the entrails and then wash them thoroughly and for a long time under a jet of water at room temperature, or slightly cool.
  3. Dedicate yourself to the preparation of the risotto. Put a drizzle of extra-virgin olive oil in a fairly large saucepan and heat it up.
  1. Sauté the garlic clove cut into 2 or 3 pieces in the oil until it begins to brown, then remove it from the pan as the oil will have already taken on the flavor of the garlic.
  2. Divide the onion into fairly small cubes that you will sauté in the oil until they begin to brown.
  3. At this point, place the rice in the saucepan and toast it for a couple of minutes until it becomes “crispy”, i.e. you will hear the sound of the rice moving around in the saucepan become sharper and drier; this operation is useful so that the outer part of the grains forms a light film that will allow the rice to be cooked perfectly without browning.
  1. Add a small amount of water for the rice to start cooking and also add a little salt. Alternatively, you could also use vegetable broth.
  2. When the rice is about half cooked, that is after 7/8 minutes from the start of cooking, put the squid in the saucepan and add the white wine, allowing the rice and squid to cook in the wine; add a little vegetable stock to continue cooking once the wine has been absorbed by the rice.
  3. Continue adding the vegetable stock every time the rice needs it and take care to stir the risotto with squids very often in order to have an even cooking.
  1. When the rice is almost cooked, add salt and pepper to taste.
  2. Finely chop the parsley and place it in the saucepan when the squid risotto is cooked.
  3. Mix the parsley well with the other ingredients and then you can serve your squid risotto hot on the table.

Risotto alle cozze – Risotto with mussels

Mussels – Kolforn CC BY-SA 4.0

Preparing a good risotto with mussels is easier than it seems. The basic rule is that the mussels must be very fresh to ensure the success of the dish, then, a few other ingredients will allow you to serve a great risotto on the table. Save this recipe; it will come in handy to include in your menus for seafood lunches or dinners for any holiday or special occasion.

Characteristics

Preparation: 15 Minutes
Baking: 18-20 Minutes
Difficulty: Very Easy
Servings: 4
Cost: Inexpensive

Ingredients

1 kg mussels (very fresh)
600 ml fish stock
600 ml of mussel cooking water
350 g Carnaroli rice (or for risotto)
1 glass dry white wine
100 ml extra virgin olive oil
1 chili pepper
5 garlic cloves
1 bunch of parsley (chopped)

How to make Risotto alle cozze – Risotto with mussels

First wash the mussels in running water, remove the byssus (black filament) and any encrustations on the shell, place them in a pan on high heat with oil and crushed poached garlic, chili pepper, and half a glass of dry white wine. Close the lid and let all the shells open.

Let them cool and remove all the shellfish, keep them warm between two plates, filter the liquid from the mussels and keep it in a small pot.

Wash and finely chop the parsley, peel and finely chop the onion, prepare the fish stock with the granulated stock cube or fish stock and pour it into the small pot with the cooking liquid from the mussels.

In a heavy-bottomed, low-sided saucepan, put 5 tablespoons of oil and stew the onion with 1 tablespoon of fish stock over low heat. When the onion is almost done and begins to brown, add the chopped chili pepper, then pour in the rice and let it toast for a few minutes over a high flame while stirring, add the wine and let it evaporate, add half of the chopped parsley and start cooking the risotto while stirring and adding a ladle of boiling broth when the rice tends to dry out and so on until it is cooked.

Add the mussels kept aside and stir gently, add the remaining parsley, salt to taste, sprinkle with chili powder and soft and fragrant the risotto with mussels is ready to serve.

Cozza tarantina

Cozza Tarantina – AntonioCaso93 CC BY-SA 4.0

Descrizione

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Il prodotto ittico è inserito nell’elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali pugliesi riconosciuto dal Ministero delle politiche agricole.

La cozza tarantina, detta anche cozza gnure, è il mitilo (Mytilus galloprovincialis) allevato nella zona di Taranto, in particolar modo nel mar Piccolo, dove la mitilicoltura è praticata da secoli.

Ingredienti

  • cozze alla puppitegna
  • aglio,
  • olio
  • prezzemolo
  • fagioli
  • riso,
  • patate

Come cucinare la Cozza tarantina

Uno dei piatti tipici di Taranto è sicuramente le cozze alla puppitegna con aglio, olio e prezzemolo, ma anche l’impepata di cozze e i tubettini o gli spaghetti con le cozze. Altri piatti tradizionali sono i tubettini con fagioli e cozze e a Bari il famoso riso, patate e cozze.

Geografia

Le cozze sono allevate tra mar Piccolo e mar Grande a Taranto. Il peculiare sapore della cozza tarantina è dato dalle condizioni di salinità del mar Piccolo attraversato dai citri, sorgenti sottomarine d’acqua dolce in grado di ossigenare l’acqua e favorire lo sviluppo del plancton e dalle correnti d’acqua dolce del Galeso. I pali d’allevamento erano realizzati anticamente in legno di Sila.

Storia

Già in epoca magnogreca e romana, infatti, fonti letterarie narrano della ricchezza e della bontà dei mitili della città dei due mari. Questa descrizione è stata ripresa anche nel corso del XVI e XVII secolo da autori come Tommaso Niccolò d’Aquino nelle sue “Deliciae Tarantinae”.

La cozza tarantina nella cultura di massa

Numerosi sono i riferimenti alle cozze quando si parla di Taranto.

I Terraross la citano in “Giù al sud”, traccia dell’omonimo album ed è presente anche in diverse canzoni locali.

Il nuovo brand grafico della birra Raffo, da sempre legata alla città jonica, comprende anche lo slogan Don’t touch my cozza stampato sull’etichetta delle bottiglie.

Rocco Papaleo la cita nel corso del celebre film interpretato da Checco Zalone, Che bella giornata.

Sicurezza

A seguito dei rilievi e delle verifiche dell’inquinamento presente nel primo “seno” del mar Piccolo, la filiera legale delle cozze è stata spostata nel secondo “seno”. I prelievi e la classificazione delle acque sono al momento effettuati per singolo produttore, dando modo, così di certificare la sicurezza del prodotto.

Scagliozzi

Scagliozzi – Fuente CC BY 2.0

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Descrizione

Gli scagliozzi (chiamati anche scagliuzz , sgagliozzi o sgagliozze) sono un prodotto da friggitoria, presente nella cucina foggiana, barese, napoletana, messinese e toscana.

Ingredienti

Ricetta base della polenta Ingredienti per 4-6 persone –

  • 6 tazze di acqua o brodo
  • 2 cucchiaini di sale
  • 1 cucchiaio di olio d’oliva
  • 2 tazze di farina di mais

Come preparare gli Scagliozzi

Portare l’acqua ad ebollizione. Aggiungere il sale e aggiungere la polenta poco a poco, mescolando bene per evitare i grumi. La proporzione acqua/polenta è diversa per tutti, io uso più o meno 4 a 1. Ma non è troppo importante, devi solo continuare a mescolare fino ad ottenere un impasto consistente. Ci vorranno dai 10 ai 30 minuti, a seconda dell’acqua e del tipo di polenta che avete a disposizione. Si può usare il brodo invece della sola acqua, o aggiungere qualcos’altro per insaporire. Ho usato il sofrito all’aglio in questa ricetta, anche se molte persone aggiungono il formaggio. Non consiglio la polenta da sola, è troppo insipida.

Polenta fritta Una volta che la polenta di base è fatta, versatela in una grande padella o in diverse piccole padelle. Raccomando che non sia più di un dito di spessore. Il giorno dopo si sarà solidificato in una specie di gelatina dura. Potete tagliarlo a bastoncini, triangoli o qualsiasi forma vi piaccia. Ne lascio una parte in frigo e congelo il resto. Quando state per cucinarla, mettete una padella a scaldare con un po’ d’olio d’oliva e friggete i pezzi di polenta fino a quando non saranno croccanti su tutti i lati. Fate attenzione quando li girate perché quando friggono si ammorbidiscono un po’. Puoi rimuovere l’olio in eccesso con un tovagliolo di carta.

Sono fette di polenta, la quale generalmente viene lasciata a seccare qualche giorno dopo la preparazione per perdere un po’ del suo contenuto d’acqua e poter essere fritta senza sciogliersi nell’olio bollente, tagliate a forma di piccoli triangoli, fritte in abbondante olio bollente e salate. Fanno eccezione le sgagliozze baresi, quasi sempre di forma rettangolare o quadrata.

A Napoli si vendono nelle friggitorie tipiche della città insieme ad altri prodotti caratteristici, quali le pastacresciute, gli sciurilli (frittelle di fiori di zucca), le fette di melanzane fritte in pastella, piccoli arancini rotondi (palle di riso) e crocchè di patate.

A Foggia, la città degli scagliozzi, si vendono tipicamente in friggitoria e costituiscono uno degli alimenti base della dieta tradizionale.

A Bari, la sgagliozza nacque nel Medioevo grazie ai commerci con la Repubblica di Venezia, ed è tradizione trovare questa preparazione in bancarelle allestite nel centro storico, in particolare durante i giorni di festa, (Natale o le due festività dedicate a San Nicola di Bari) assieme ad altri prodotti tipici, quali panzerotto e popizze.

A Messina sono venduti esclusivamente da rivendite ambulanti e costituiscono un tipico cibo da strada locale.

La pietanza si può consumare da sola o accompagnata da pezzi di formaggio fuso, olive o varie salse.

Etimologia

A Bari il termine usato è esclusivamente declinato al femminile come sgagliozze, mentre in tutte le altre città menzionate si usa anche o esclusivamente il maschile. Il termine sgagliozzi rimanda all’etimologia di scaglia, pezzo grossolanamente tagliato; tuttavia, è bene ricordare che nel Sud Italia la parola scagliozza indica anche la moneta, quindi si può mettere anche in relazione con il colore dorato della pietanza.

Ostriche alla Tarantina

Belons de Cancale (Ostrea edulis) – Myrabella CC BY-SA 3.0

Ostrea edulis

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Ostrea edulis (Linnaeus 1758), conosciuta comunemente come ostrica o ostrica piatta, è una specie di molluscobivalve della famiglia Ostreidae.

Etimologia

Ostrea deriva dal greco òstreon che vuol dire “ostrica” mentre edulis significa “commestibile”.

Descrizione

Conchiglia rotondeggiante, irregolare, con superficie rugosa, ricoperta di lamelle ondulate, inequivalve, la valva destra è piatta e squamosa, la valva sinistra, con la quale il mollusco è attaccato alla roccia, è invece concava. Dimensioni 7-12 centimetri di diametro ed oltre.

Da non confondere con Crassostrea gigas, l’ostrica concava, che come dice il nome comune ha le valve concave e allungate. Questa specie, nativa del Pacifico, negli ultimi anni ha soppiantato come produzione Ostrea edulis ed è la specie che più frequentemente si trova in commercio in quanto allevata in gran parte della Francia. Crassostrea gigas occupa da sola il 75% della produzione europea.

Nel Mediterraneo vivono numerose varianti locali come l’Ostrea tarantina, l’Ostrea adriatica, l’Ostrea tyrrena.

Biologia

Sono ermafroditi protandrici. Solitamente cambiano sesso due volte nel corso dell’anno. Le uova vengono mantenute nella cavità palleale dalla femmina, dove avviene la fecondazione. Gli zigoti e le larve vengono trattenuti per 8-10 giorni all’interno della cavità palleale, dopodiché rilasciate nella colonna d’acqua allo stadio di veliger. I veliger di Ostrea edulis attraverseranno una fase pelagica di 8-10 giorni prima di fissarsi ad un substrato.

Distribuzione e habitat

L’ostrica vive attaccata sugli scogli litorali, da pochi metri a circa 50 di profondità, ove viene staccata, durante tutti i mesi dell’anno, specialmente in primavera ed estate. L’ostrica è comune nel Mar Mediterraneo, Oceano Atlantico e Mare del Nord. Viene allevata (ostricoltura) in località prefisse come a Taranto, nel Fusaro, a La Spezia, a Rovigno e in Francia, lungo la costa della Normandia e della Bretagna e in Corsica nello stagno di Diana.

Proprietà organolettiche

Ostrea edulis, a fronte di un bassissimo contenuto di grassi (circa 2%), offre una quota importante di proteine nobili e tutte e quattro le vitamine fondamentali (A,B,C,D). È inoltre una buona fonte di fosforo, calcio e magnesio, ma è l’abbondanza di zinco e ferro a rendere questo mollusco particolarmente interessante nel contrasto dell’anemia.

Inoltre bisogna citare le leggendarie proprietà afrodisiache del frutto, già conosciute nell’antichità, al punto che gli antichi Greci sostenevano che Afrodite (la Dea dell’Amore) fosse nata all’interno delle valve di un’ostrica.

Valore economico

Molto apprezzata per via della carni gustose e generalmente consumate fresche.

L’allevamento delle ostriche è detta “ostricoltura” ed è una pratica redditizia sviluppata in buona parte del Mar Mediterraneo. Tra i primi ad avviare sistematicamente impianti di allevamento ci furono i Romani, i quali tra l’altro iniziarono ad importare ostriche del Nord Europa, in particolare dalla Manica e dalle coste della Britannia. La Francia è oggi tra i principali produttori mondiali di ostriche per uso alimentare.

L’ostrica tarantina

Tra le 49 specie di ostriche esistenti nel Mar Mediterraneo, una menzione particolare merita l’ostrica tarantina, il cui nome scientifico è Ostrea Tarantina. L’allevamento delle ostriche tra il Mar Grande ed il Mar Piccolo di Taranto è difatti una pratica secolare, che per il tipo di produzione e di impianto differisce dal restante panorama mediterraneo.

Nonostante l’ostricoltura sia giunta a Taranto relativamente tardi (attorno al IV secolo dopo Cristo), in breve tempo gli ostricoltori tarantini seppero sviluppare una sofisticata ed ingegnosa tecnica ancora oggi utilizzata. Nei mesi di Maggio e Giugno si calano in Mar Grande a circa 30 metri di profondità delle fascine di lentisco, che vengono poi riprese dopo circa tre mesi. Su queste fascine si attaccano naturalmente delle piccole ostriche (dette in dialetto zippe) che, una volta tagliate dalle fascine di lentisco, vengono legate a delle corde vegetali (dette in dialetto zòche) e trasferite in Mar Piccolo, dove sono nuovamente immerse sott’acqua. Le centinaia di corde utili all’allevamento vengono fissate su pali di metallo (anticamente realizzati con legno di castagno della Valle d’Itria), che per la loro moltitudine creano ancora oggi i cosiddetti “giardini marini” di Taranto.

Una volta raccolte, le ostriche vengono solitamente consumate fresche, ma esiste anche una variante detta “alla tarantina” che prevede di ricoprire il frutto con pangrattato e prezzemolo, da passare poi al forno al fine di ottenere una doratura del mollusco.

Per capire l’importanza economica di questo allevamento bisogna considerare che, negli anni ’20 del XX secolo, nel solo Mar Piccolo di Taranto si coltivavano annualmente tra le 35 e le 40 milioni di ostriche. Nello stesso periodo, il Governo Italiano inviò nella città pugliese alcuni studiosi e biologi marini col compito di valutare il potenziale produttivo del Mar Piccolo ai fini dell’ostricoltura. I risultati delle ricerche furono molto incoraggianti, in quanto si stimò una possibile produzione annuale di 70-80 milioni di ostriche. Tali numeri non furono tuttavia mai raggiunti, ed anzi si è assistiti nel corso degli anni ad un cospicuo ridimensionamento della produzione tarantina, anche a causa della sempre crescente competizione economica di altri paesi extra europei. In aggiunta, a partire dagli anni ’60 del ‘900, la costruzione di idrovore necessarie allo stabilimento siderurgico Italsider (oggi Ilva), ha comportato una pesante alterazione del quantitativo planctonico nelle acque del Mar Piccolo, con conseguenti difficoltà degli ostricoltori nell’ottenere ostriche della giusta pezzatura ai fini commerciali.

Come preparare le Ostriche di Taranto

Ostriche di Taranto impanate e cotte al forno con olio d’oliva e prezzemolo.

Incapriata – ‘Ncapriata – Fave e foglie – Beans and leaves

https://blog.giallozafferano.it/lapasticceramatta/ncapriata-fave-e-foglie/

Description

The ‘ncapriata or fave e foglie is an ancient poor dish of Apulian cuisine. However, its simplicity is, like many soups or vegetable creams, perfect.
It was the favorite food of Frederick II of Swabia. It essentiality needs very few but excellent products and raw materials, such as oil, which must be an extra virgin olive oil of superior quality; in fact, it will give an unmistakable flavor to the ‘ncapriata.
Chicory in traditional cooking is the wild one; if you cannot find it in the fields, buy it.

‘Ncapriata – Beans and leaves

Preparation: 50 Minutes
Cooking: 2 Hours
Difficulty: Low
Portions: 4 people
Cost: Economical

Ingredients

400 g dried broad beans
One bunch Chicory
One clove Garlic
to taste Extra virgin olive oil

Preparation

  • 1) Soak the broad beans for about 8-10 hours, usually the night before.
  • 2) In a pot, better if earthenware, put plenty of extra virgin olive oil and heat a clove of garlic, add the well-drained broad beans, let them gain flavor, and add boiling water until they are covered. Boil the beans over shallow heat for about 2 hours, remove the foam that rises to the surface when the water begins to boil, and add salt. If necessary, add more boiling water to finish cooking.
  • 3) In the meantime, boil the chicory, drain and sauté with oil and chili pepper, and garlic.
  • 4) At the end of cooking, withdraw the water), mix and undo the beans with a wooden spoon; add the extra virgin olive oil and “whip,” beating as it was once done with a wooden spoon, mousse the cream of beans.
  • 5) Serve the ‘ncapriata with the chicory on the side and a generous drizzle of oil.

Regional Recipe from Puglia (Apulia)

ITALIANO

La ‘ncapriata o fave e foglie è un antico piatto povero della cucina pugliese, però nella sua semplicità è come molte zuppe o creme di verdure, veramente buona.
Cibo preferito da Federico II di Svevia, nella sua essenzialità ha bisogno di pochissimi ma ottimi prodotti e materie prime, come l’olio, che deve essere un olio extra vergine d’oliva di eccellente qualità, infatti darà un sapore inconfondibile alla ‘ncapriata.
La cicoria nella cucina tradizionale è quella selvatica, ise non riuscite a reperirla nei campi, compratela.

‘Ncapriata – Fave e foglie

  • Preparazione: 50 Minuti
  • Cottura: 2 Ore
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 4 persone
  • Costo: Economico

Ingredienti

  • 400 g Fave secche
  • 1 mazzetto Cicoria
  • 1 spicchio Aglio
  • q.b. Olio extravergine d’oliva

Preparazione

  1. Mettere a bagno le fave per circa 8-10 ore, di solito si fa la sera prima.
  2. In una pentola, meglio se di coccio, mettere abbondante olio extra vergine di oliva e scaldare uno spicchio d’ aglio, unire le fave ben scolate, far insaporire e unire acqua bollente fino a coprirle. Lessare le fave a fuoco bassissimo, per circa 2 ore, togliere la schiuma che viene a galla quando l’acqua comincia a sobbollire e salare. Se necessario aggiungere altra acqua bollente per terminare la cottura.
  3. Nel frattempo lessare la cicoria, scolarla e saltarla con olio e peperoncino e aglio.
  4. A fine cottura (l’acqua si deve essere ritirata) mescolare e disfare le fave con un mestolo di legno; unire a filo l’olio extra vergine di oliva e “montare”, cioè sbattendo come si faceva una volta con un mestolo di legno,  tipo mousse la crema di fave.
  5. Servire la ‘ncapriata con a lato la cicoria e un giro abbondante di olio.

Ricetta regionale pugliese

ricetta di Blog di lapasticceramatta – Simona Ciampi

Cozze alla tarantina

https://ricette.giallozafferano.it/Cozze-alla-tarantina.html

Ingredients

  • cozze
  • sugo di pomodoro
  • pane caldo

How to make Cozze alla tarantina

Difficoltà: Molto facile
Preparazione: 30 min
Cottura: 25 min
Dosi per: 4 persone
Costo: Basso

La Puglia è famosa per il sole, le spiagge, il mare e le orecchiette; ma chi ama questa regione non può non amare anche la cucina pugliese: pietanze gustose nella loro semplicità…come le cozze fritte o quelle che vi presentiamo oggi: le cozze alla tarantina che vi proponiamo in questa ricetta! Una sorta di zuppa di cozze perfetta da servire come antipasto! I sapori ricordano quelli di un classico sautè, ma il gusto lievemente piccante del sugo di pomodoro fa sì che le cozze alla tarantina risultino un piatto godurioso e completo! Il mix perfetto: morbidezza dei molluschi, corposità del pomodoro e il croccante del pane caldo: nessuno riuscirà a resistere e cederà senza remore…alla scarpetta!

Regional recipe from Apulia

Ciceri e tria

GialloZafferano https://ricette.giallozafferano.it/Ciceri-e-tria.html

Difficoltà: Media
Preparazione: 50 min
Cottura: 150 min
Dosi per: 4 persone
Costo: BassoNota
+ il tempo di ammollo dei ceci (1 notte) e il riposo della pasta fresca

Ingredienti

  • Ciceri – ceci
  • tria – pasta fresca senza uova
  • con farina, semola rimacinata, acqua e olio d’oliva che viene stesa sottile

Come preparare Ciceri e tria

Volete fare un viaggio in Salento partendo dalla vostra tavola? Dopo i rustici leccesi e i pasticciotti, ecco un’altra tipica ricetta salentina: Ciceri e tria. Si tratta di una ricetta antica, addirittura il poeta Orazio ne menziona l’esistenza già nel 35 a.c.; un primo piatto molto sostanzioso a base di pasta fresca senza uova, con farina, semola rimacinata, acqua e olio d’oliva che viene stesa sottile, trasformata in tagliatelle corte maneggiate per dare una forma a spirale. La “tria”, parola che deriva dall’arabo “ittrya” ovvero pasta fritta (o secca), viene condita con i “ciceri”, i ceci. Questo piatto speciale, di cui esistono diverse versioni anche al pomodoro, ha proprio la particolarità di vedere aggiunta a quella che apparentemente può sembrare una comune pasta e ceci, una parte della pasta fresca fritta. Scoprite la nostra versione di ciceri e tria per portare in tavola un pezzo importante della tradizione del Salento.

Regional Recipe from Apulia

Cavatieddi rossi e pesto alle noci

  • Preparazione: 15 Minuti
  • Cottura: 5 Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: 2
  • Costo: Molto economico

Ingredienti

Impasto per i cavatieddi

  • 200 g Farina 00
  • 200 g Farina di grano duro
  • 200 g acqua tiepida
  • 50 g passata di pomodoro
  • 1 pizzico Sale
  • 50 g Basilico
  • 100 g Gherigli di noci
  • 100 g Parmigiano reggiano
  • 100 ml Olio extravergine d’oliva
  • 1-2 spicchio Aglio
  • 1 pizzico Sale grosso

Come preparare il Pesto alle noci

  1. Ho versato le farine nel boccale del bimby e ho aggiunto l’acqua e il sugo. Impastare per un paio di minuti in modalità spiga… e l’impasto è pronto.
  2. Lasciar riposare il panetto ottenuto per circa 15 minuti. Durante il riposo preparare il pesto di noci.
  3. Trascorso il riposo riprendere l’impasto e ricavarne i serpentelli che si trasformeranno in cavatieddi.
  4. Cuocere in abbondante acqua salata per alcuni minuti dopodiché scolarli e condirli col pesto appena preparato.

Regional Recipe from Apulia

Cartellate – Carteddate pugliesi

Ingredients

  • miele,
  • mandorle,
  • codette di zucchero,
  • cioccolato

How to make Cartellate – Carteddate pugliesi

Difficoltà: Media
Preparazione: 30 min
Cottura: 10 min
Dosi per: 28 pezzi
Costo: Medio
Nota + 30 minuti di riposo dell’impasto + 5-6 ore di riposo delle cartellate crude

I nostri lettori pugliesi lo sanno meglio di noi: il Natale, senza le cartellate, non è Natale! Queste aromatiche e deliziose rose di sottilissima pasta arabescata e fritta sono un dolce molto antico, la cui ricetta si tramanda di famiglia in famiglia e le cui origini risalgono all’alba della civiltà. La tradizione vuole che le donne di diverse famiglie si ritrovino insieme per preparare in grande quantità questi dolci delle feste, mescolando così sapienze e segreti che danno alle cartellate un sapore ancora più prezioso: quello della condivisione. Ci sono molti modi di assaporare le cartellate, ma il più tipico è sicuramente intrisi nel vin cotto, un condimento ottenuto dalla cottura del mosto delle uve pugliesi Negroamaro e Malvasia, oppure dai fichi. Ma tra le varianti molto diffuse e apprezzate, non si possono non ricordare quelle che prevedono miele, mandorle, codette di zucchero, cioccolato… quale che sia il vostro modo preferito di assaporare le cartellate, siamo certi che vi innamorerete della loro semplice ricchezza, e vi ritroverete tutto il sapore autentico di una terra magica. Cartellate pugliesi: questa è la nostra versione, raccontateci la vostra!

Regional recipe from Apulia

books-on-italy.com

books-on-italy.com

books-on-italy.com

books-on-italy.com